Comments

Lavorare come cameriere ai piani

Lavorare come cameriere ai piani

Tra le figure professionali impiegate nel settore dell’hospitality and food, il cameriere ai piani è spesso poco considerato benchè fornisca un supporto indispensabile per mantenere alti il livello e la reputazione dell’hotel.

Anche se non è a stretto contatto con i clienti, si occupa di pulizia ed igiene della camera, elementi che stanno molto a cuore agli ospiti. Il cameriere ai piani deve apparire come un compagno di viaggio discreto e gentile, professionale e riservato, attento all’ambiente e alla privacy dei clienti.

Principali mansioni svolte

Il cameriere ai piani si occupa principalmente del riordino e della pulizia giornaliera delle camere occupate e del rinfresco settimanale di quelle inoccupate, rinnova i prodotti utilizzati dal cliente (cibi, bevande, bagnoschiuma) e cambia gli asciugamani. Inoltre, è incaricato della pulizia dei corridoi e di altri ambienti non privati che competono al piano, secondo le disposizioni di ogni singola struttura.

Competenze e qualifiche richieste

Il cameriere ai piani deve possedere abilità comunicative (essere cortese e attenta al cliente) e abilità organizzative e di gestione del tempo, inoltre deve essere responsabile ed onesto.

Poiché il lavoro del cameriere ai piani incide sulla reputazione della struttura nel quale è impiegato, deve necessariamente essere formato. La formazione riguarda tutti gli aspetti del lavoro, da come rifare adeguatamente i letti, a come piegare le lenzuola a come igienizzare gli spazi. Tra i requisiti per ricoprire questa mansione, viene richiesto un’esperienza di stage o lavoro pregressa. Il corso professionale di cameriere ai piani di AssoAPI si rivolge a quanti intendono acquisire le competenze necessarie per lavorare fin da subito. La fase e-learning con laboratori pratici prima e lo stage poi, garantiscono il successo lavorativo degli allievi.

Quanto guadagna una cameriera ai piani?

I lavoratori incaricati di questo genere di mansioni rientrano nelle categorie per le quali va stipulato il contratto collettivo di VI livello per i lavoratori del settore turistico.
Tale contratto stabilisce lo stipendio minimo che un dipendente di VI livello ha il diritto di percepire. Si tratta di una cifra che negli anni è sottoposta a variazioni, andando da un minimo di 600,00 euro ad un massimo di 1.400 euro. Per informazioni più dettagliate, è utile consultare Il contratto di VI livello per gli operatori del settore terziario  disponibile sul sito del CIFA (Confederazione Italiana Federazioni Autonome).

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-color: #1e73be;background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 180px;}

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi